Scavi di Pompei

La città sepolta

Gli Scavi di Pompei sono l’area archeologica più famosa, ma anche la più grande del mondo: in nessun luogo del globo si può visitare un ambiente urbano di tipo archeologico così grande e integro.

Un’antica città romana, tragicamente sommersa dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C., è rimasta intatta nei secoli, perché l’improvvisa pioggia di cenere, polvere e lapilli ne ha cristallizzato l’aspetto e la memoria.

Dal 1997 l’UNESCO ha dichiarato Pompei, Ercolano e le città vesuviane sepolte dall’eruzione “Patrimonio Mondiale dell’Umanità”.

La visita agli scavi di Pompei, che distano poche centinaia di metri dall’Hotel Pompei Resort, è un’esperienza unica: si può girare una città antica, rimasta intatta nella sua struttura urbanistica, come se si fosse tornati a duemila anni fa.

Ricordiamo che Pompei era una ricca città agricola in posizione strategica, ai piedi del vulcano Vesuvio e affacciata sul mare.  Oggi la costa è a quattro chilometri, ma l’antica Pompei era direttamente costruita sul mare e le mura che ora danno su Porta Marina, erano costruite sulla spiaggia. La posizione strategica, e il doppio porto, fluviale sul Sarno e sul mare, le davano una prosperità che ancor oggi è visibile nella ricchezza di molte case.

La visita di una città integra nei suoi spazi, riguarda sia edifici e luoghi pubblici, sia case private, da quelle modeste del popolo alle lussuose ville ricche di affreschi e di addobbi.

 

Luoghi da non perdere nell’area archeologica

Al centro della città, il Foro, cioè la piazza, che segna il luogo pubblico in cui si incontrano la religione, l’amministrazione, la giustizia e il commercio.

Così come sono oggi le nostre piazze, in cui ci si incontra per caso, si fa dello shopping (a questo è addetto il Macellum su un angolo del Foro), si amministra giustizia (ecco la Basilica, sull’altro angolo), si prega nei diversi templi presenti.

Fermandosi al centro del Foro, ci si immagina la vita di un antico pompeiano, che gestiva tutti gli affari pubblici e privati senza sapere della tragedia che incombeva su di lui. E infatti il vulcano Vesuvio è lì, in asse con il Tempio di Giove, oggi placido e maestoso, ieri terribile distruttore.

Se si vuol capire come si divertivano gli antichi pompeiani, e si divertivano sicuramente, non mancano i luoghi da visitare.

L’Anfiteatro

L’Anfiteatro di Pompei è il primo costruito in pietra in tutto l’impero romano, prima del Colosseo: il luogo dei giochi gladiatori, per cui Pompei e la Campania erano famose.

I Teatri

A Pompei ci sono due teatri, uno coperto e uno scoperto. Quest’ultimo  ancora oggi ospita in estate concerti e spettacoli.

Le Terme

Le Terme erano il luogo più frequentato ogni giorno dai romani, che vi si andavano a lavare – in casa non c’era l’acqua corrente – a bagnarsi per salute  – i Romani credevano che l’alternarsi di bagni caldi e freddi fosse salutare – e a incontrare amici e conoscenti. E le Terme erano destinate, in orari o in sezioni diversi, anche alle donne.

Le case

Le abitazioni private fanno capire come si svolgeva la vita quotidiana. Ci sono le ricche case dei personaggi più in vista, come la famosa Villa Dei Misteri, affrescata in modo superbo con la descrizione di riti, appunto, misterici, o la Villa del Fauno Danzante, ricca di statue, di affreschi, di mosaici, ancora lì, nell’originale o in copia a mostrare l’opulenza del padrone. E ci sono poi le case più modeste, a due piani, tutte comunque con un atrio aperto, per dare luce e per raccogliere l’acqua piovana, e spesso con un giardino interno, per la frescura e anche, nei tempi più antichi, come orto casalingo.

Le Botteghe

Attraversando le lunghe strade si vede come in molti angoli ci sono le botteghe che vendevano alimenti e bevande – i Termopolium – allora molto diffusi, perché la cucina in casa potevano permettersela solo i ricchi, e le fontane quasi a ogni incrocio. Si osservano le scritte sui muri, ancora leggibili, con cui si faceva campagna elettorale.

logotipo Hotel Pompei Resort

Visita Pompei e vivi la città

Come un antico pompeiano farai un meraviglioso viaggio nel tempo

Da non perdere

Visita all'area archeologica

di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata

Passeggiata sul Vesuvio

Il vulcano più famoso del mondo

Cucina napoletana

Tradizione e equilibrio tra terra e mare

Dintorni in Campania Felix

Napoli, Sorrento, Costa d'Amalfi e non solo

Pompei, un'emozione eterna. Guarda il video!